MARIO PEDINI
1918-2003







 
  Sei il visitatore numero Warning: fread(): Length parameter must be greater than 0 in /web/htdocs/www.senatoremariopedini.eu/home/index.php on line 83  


Mario Pedini Montichiari 27/12/1918 Roma 8/07/2003

Nasce il 27 dicembre 1918 a Montichiari, importante centro agricolo della bassa bresciana, figlio di Amedeo, originario di Finale Emilia, maestro elementare, direttore didattico e da Amalia Rossi, figlia del procuratore del Registro del paese.
Frequenta le scuole elementari a Montichiari, il liceo classico nella vicina Castiglione delle Stiviere e l'università a Pavia con laurea in Storia e Filosofia nel 1943 e poi in Giurisprudenza, divenendo al contempo  insegnante e preside della scuola media,  procuratore legale.
Nel 1943 si sposa con Amalia Gavazzi, maestra elementare con cui  ebbe due figli: Enrico e MariaTeresa.
Nel dopoguerra si avvicina alla Democrazia Cristiana divenendo a Brescia segretario organizzativo e provinciale. Nell'evoluzione del suo intenso impegno politico con la D.C. si succedono l'inserimento nel Parlamento Italiano - Camera e Senato - deputato, senatore, sottosegretario, ministro,  dal 1953 al 1979 e nell'assemblea della Comunità europea dal 1959 al 1978, con incarichi governativi, comunitari e internazionali.

Incarichi di governo:
1968 -  Sottosegretario per la Ricerca Scientifica ( Governo Leone)
1969 - 1976 -  Sottosegretario agli Affari Esteri ( Ministri Nenni, Moro, Medici)
1975 - 1978 -  Ministro per la Ricerca Scientifica ( Governi Moro, Andreotti)
1976 - 1978 -  Ministro per i Beni Culturali e Ambientali ( Governi Moro, Andreotti)
1978 - 1979 -  Ministro della Pubblica Istruzione e Università ( Governo Andreotti)
In tale periodo per sua iniziativa diventano operanti le leggi da lui promosse per il volontariato e la cooperazione allo sviluppo con i paesi africani. Come sottosegretario agli esteri ottenne la liberazione di tecnici nel Biafra in Nigeria e tedeschi in Guinea, azioni per le quali ebbe conferita nel 2005 dal Presidente Ciampi la Medaglia d'Oro al Valor Civile alla memoria.

Incarichi comunitari
1953 - 1968 - Delegato all'assemblea parlamentare europea, presidente della Commissione Energia e Ricerca. Nel 1965 Relatore alla  Conferenza per l'associazione tra la C.E.E. e i paesi africani ACP.
1978 - 1984 -  Membro del Parlamento europeo, Presidente della Commissione " Cultura e Gioventù" e della Delegazione per  l' America Latina, membro del Consiglio Consultivo della Convenzione di Lomè dal 1986 al 1994-

E' stato anche

- Presidente  dell'Ateneo di Scienze, Lettere e Arti di Brescia  ( 1979 - 1986 )
- Membro del Consiglio Scientifico dell'Enciclopedia Italiana  ( 1983 -1993 )
- Presidente dell' Accademia Nazionale d'Arte drammatica Silvio D'Amico ( 1986 - 1995 )
- Presidente del  C.D.A. dell' Astaldi Spa  azienda operante nei grandi lavori ( 1996 - 2001 )
- Presidente dell' Assafrica  ( Associazione Confindustriale delle imprese che operano in Africa )
Presidente della commissione per l' edizione nazionale delle opere di Cesare Abba.

Uscito definitivamente dalla politica attiva nel 1984, continuò ad essere impegnato nel campo della cultura, docente incaricato di economia delle comunità europee all’università di Parma, con una intensa attività giornalistica, collaborando a quotidiani, riviste specializzate e pubblicistica, con la redazione di libri a carattere politico, economico e memorialistico, nonché nel campo dell’economia e del lavoro per l’assistenza e la promozione di imprese italiane in Africa ed America Latina, avvalendosi dei molteplici rapporti amichevoli che aveva positivamente costruito e conservato  negli anni.
L’amore per la musica, ed in particolare per il pianoforte, fu una costante di tutta la  vita e lo strumento, oltre regalargli momenti di serenità, lo portò a confrontarsi con tanti appassionati anche in occasioni ufficiali.
Rimase sempre profondamente legato alla sua terra d'origine ed in particolare al suo paese per il quale profuse grande impegno nel promuoverne lo sviluppo. A lui va ascritto, tra l'altro, il merito di aver avviato il "Centro Fiera del Garda" a Montichiari.  
Morì, come ebbe a scrivere Andreotti nella sua  commemorazione, non da vecchio, ma giovanilmente nuotando in  piscina con ampie bracciate in una calda serata romana, l’8 luglio 2003.